A Pasqua ogni siciliano si sente non solo spettatore

ma attore, prima dolente, poi esultante,

di un mistero che è la sua stessa esistenza.

                                                                         Gesualdo Bufalino